lunedì 16 giugno 2014

Pizza Genovese con Amarone della Valpolicella

Ciao a tutti come state?
Oggi voglio parlarvi della pizza Genovese ma fatta con un ingrediente particolare, un vino rosso molto corposo l'Amarone della Valpolicella!
L'idea è nata leggendo una ricetta con vino bianco, così per provare ho voluto sostituire il bianco con il rosso ed il risultato è stato una fantastica focaccia genovese profumata come piace a me, alta morbida dentro e croccante sopra e sotto.
Prossimamente vorrei provarla con lievito madre, prima però dovevo sperimentare con lievito di birra!
Vediamo come farla.
Ingredienti:
  • 400 gr farina w360/400 meglio se non manitoba, se proprio non riuscite a trovarla fate 300 gr fanina 00, 100 gr manitoba;
  • 220 gr acqua fredda di freezer ma non congelata;
  • 20 gr vino rosso Amarone della Valpolicella, o altro vino rosso corposo;
  • 25 gr olio evo;
  • 8 gr lievito di birra fresco (il dado);
  • 1 cucchiaino di miele;
  • 8 grammi di sale
per la salamoia:
30 gr olio evo;
30 gr acqua;
10 gr sale grosso
Procedimento:
Sciogliere il lievito nell'acqua insieme al miele.
Cercando di non far aumentare mai la temperatura dell'impasto oltre i 26 gradi, inserire nella planetaria la farina setacciata, avviare a velocità 1 (in bimby inserire tutti gli ingredienti nell'ordine in cui vengono aggiunti e avviare a velocità spiga), versare a filo l'acqua con miele e lievito, quando l'impasto ha cominciato a prendere corpo versare il vino, avviare per ancora un minuto e cominciare a versare l'olio in 3 fasi, incordare.
Rovesciare l'impasto pirlandolo (dandogli una forma a palla) in un contenitore coperto, attendere 30 minuti, quindi riporre in frigo.
Dopo 6/8 ore togliere dal frigo e lasciare 30 minuti a temperatura ambiente, poi su un piano di lavoro, sgonfiare e fare una piega a 3.
Riporre su una teglia unta e spennellare con poco olio.
Aspettare che cresca del 30% circa un altra mezz'ora ma dipende dalla temperatura che avete in casa, dopo di che stendere con le mani fino a far raggiungere i bordi della teglia, lasciare riposare qualche minuto poi con le dita premere sulla superficie in modo da formare tanti buchi e spalmare con  la salamoia precedentemente mescolata, facendo attenzione a non far versare la salamoia sotto l'impasto, coprire se volete, io l'ho fatto perché avevo letto, non mi ricordo dove, che così rende la pizza più friabile.
Attendere che l'impasto si gonfi raggiungendo il bordo della teglia, ci vorranno circa due ore.
Accendere il forno a 200 gradi con una teglia piena di acqua sul fondo e far cuocere per 15 minuti, togliere dalla teglia e far raffreddare su graticola se non volete che la base sia morbida.


   ecco una prova della morbidezza....

con pasta madre gli ingredienti saranno:
  • 320 gr farina w360/400 meglio se non manitoba, se proprio non riuscite a trovarla fate 300 gr fanina 00, 100 gr manitoba;
  • 180 gr acqua fredda di freezer ma non congelata;
  • 20 gr vino rosso Amarone della Valpolicella, o altro vino rosso corposo;
  • 25 gr olio evo;
  • 120 pasta madre solida;
  • 1 cucchiaino di miele;
  • 8 grammi di sale



Posta un commento