lunedì 16 marzo 2015

pasta con le sarde e finocchiella selvatica a modo mio

Queste sono soddisfazioni... ieri mia figlia è tornata dalla scuola materna con un finocchio intero
compreso di foglie, la maestra mi ha detto inoltre che questo bel regalo era per lei perchè era stata la più brava a curare l'orto.
ecco che si cominciano a mettere su le basi per un futuro agriturismo che ne dite?
Certo non potevo non onorarla, così mi sono data da fare con un bel liquore digestivo alla finocchiella e questa pasta alle sarde e finocchiella che andrebbe fatta con quella selvatica ed altre volte ho fatto ma con questo bel finocchio che facevo mica potevo buttarlo....

ingredienti:
2 mazzetti di finocchiella (da lavare e tenere solo le foglie non i rametti) se la trovate utilizzate quella selvatica che ha un sapore più  deciso
40 gr di pinoli
30 gr di mandorle in farina o tritate
30 gr di uvetta ammollata da 3 ore minimo (a me non piace quindi non l'ho messa)
1 barattolo di alici sott'olio
500 gr di sarde (si possono anche omettere) pulite
40 gr di passata di pomodoro o 2 cucchiai di concentrato di pomodoro oppure 200 gr di pomodorini pachino (qui ho utilizzato la passata)
30 gr di pangrattato
1 cipolla
200 gr di spaghetti
1 bustina di zafferano

Preparazione:
per prima cosa mettere a mollo l'uvetta per almeno 3 ore dopo averla accuratamente sciacquata.
Fare bollire i mazzetti di finocchiella in una pentola che poi utilizzerete per cuocere la pasta.
a bollore lasciare altri 10 minuti quindi scolare con una schiumarola lasciare intiepidire, tagliare solo
le foglioline finemente e mettere da parte.

in una padella che contenga la pasta, tostare le mandorle e dopo tritare, mettere da parte.
Sempre nella stessa padella, far imbiondire la cipolla quindi aggiungere le alici e se le avete le sarde, aggiungere il pomodoro far cuocere, quindi inserire la finocchiella, i pinoli, le mandorle il pangrattato e lo zafferano sciolto con 2 cucchiai di acqua della pasta, l'uvetta.
Intanto nella pentola della finocchiella cuocere gli spaghetti con pochissimo sale e lasciare un po di acqua della pasta nell'evenienza che la pasta sia troppo asciutta.
Scolare al dente e versare in padella per farla amalgamare, quindi impiattare e servire calda.

Posta un commento